Archivio degli articoli con tag: identità

AT_gustibus_la7_29112015 ta

IN ONDA | Gustibus sbarca in Sicilia. PUNTATA del 29.11.2015 in replica su La7 rivedila7

 

IL PROGETTO | «RURALITÀ MEDITERRANEA – TURISMO – R.A.D.AM.E.S.» RETE AREE E DISTRETTI AGROAMBIENTALI PER LA MOVIMENTAZIONE TURISTICA, L’ESCURSIONISMO E LO SVAGO

L’idea progettuale parte dal presupposto che la cooperazione tra soggetti è l’unica chiave per sostenere nel lungo periodo l’offerta turistica di territori considerati spesso marginali. In questi contesti qualità e tipicità sono gli elementi di forza condotta con una filosofia ispirata dalle relazioni.
Il progetto pertanto ha come obiettivo il consolidamento del sistema turistico delle aree rurali attraverso un’azione di rete promossa da 4 GAL della Sicilia orientale, GAL Kalat, GAL Eloro, GAL Etna, GAL Terre dell’Etna e dell’Alcantara.

Il progetto «Ruralità Mediterranea – Radames» pertanto ha permesso di censire circa 430 operatori della ricettività, della ristorazione, della vendita di prodotti enogastronomici e artigianali e dei servizi turistici e di mappare più di 250 risorse culturali riconosciute come elementi di pregio dei territori partner (le quattro aree GAL comprendono 47 comuni tra le provincie di Catania, Caltanissetta, Enna, Messina, Siracusa).

L’analisi integrata degli operatori e delle risorse territoriali, riletta nella volontà di valorizzare le interconnessioni tematiche presenti nei territori dei 4 GAL, si è tradotta nella progettazione di 10 nuovi itinerari tematici interterritoriali, un viaggio volto alla riscoperta della ruralità mediterranea in Sicilia.
Per vocazione, il territorio del Calatino, con Caltagirone a fulcro dei collegamenti, può essere considerato il tassello di unione tra le aree: verso nord, verso Niscemi e Piazza Armerina; verso sud, collegamento con la punta estrema orientale di Portopalo di Capo Passero e Noto; trasversalmente, verso i comuni etnei alle falde del vulcano. Qui, ogni operatore rappresenta una tradizione, una storia, un territorio e ne racconta le sue specificità attraverso i prodotti o nella generosità dell’accoglienza.
In tali contesti, pertanto, assumono notevole rilevanza tutte le iniziative che consolidano i rapporti tra realtà produttive e dell’ospitalità per il rafforzamento della “rete”, in un cammino già intrapreso dai GAL con il marchio collettivo Ruralità Mediterranea.

I progetti della Ruralità Mediterranea – SALITIS – RAMSES – RADAMES – rispettivamente per l’internazionalizzazione e a valorizzazione delle eccellenze agroalimentari, per il rafforzamento della filiera agricola e per il consolidamento del sistema turistico, nell’ambito della più ampia strategia coordinata dall’Agenzia per il Mediterraneo.

Gustibus su La7 è un programma realizzato con il sostegno di CREA nell’ambito del progetto «Rete Rurale Nazionale».

logo_ruralita_mediterranea[racconti territoriali] Ruralità Mediterranea | Combinazioni infinite dove le eccellenze si mettono in rete. Non è possibile restare dei “puntini”, si cresce solo nelle connessioni e nelle relazioni.

Storify |  «Ruralità Mediterranea» un viaggio nella Sicilia rurale saprà sempre sorprendervi.

tag ufficiali ‪#‎ruralitamediterranea‬ ‪#‎ruralmedsicilia‬ ‪#‎ruralmedsicily‬

[previously] itinerari-rurali-nella-sicilia-orientale

libro

Ricette e storie di mare. Presentata l’anteprima del libro illustrato di ricette realizzato a conclusione della rassegna itinerante enogastronomica “I prodotti dal mare alla tavola”, nell’ambito del progetto PLISS – PO Italia Francia Marittimo 2007-2013.

I temi connessi al cibo sono stati elemento chiave per favorire gli scambi e le conoscenze per la promozione di prodotti tipici dei territori e la promozione turistica degli stessi. Obiettivo del progetto la valorizzazione dei prodotti dei territori transfrontalieri di Toscana, Liguria, Sardegna e Corsica.

Un racconto arricchito dalla storia dei protagonisti e dei piatti. Elemento principale di ogni incontro conviviale, il pesce povero accompagnato da vini, olio extravergine d’oliva e altri prodotti del territorio e della filiera corta.

Il progetto “PLISS – Piattaforme Logistiche per lo Sviluppo Sostenibile”, nell’ambito del Programma Operativo Italia Francia Marittimo 2007-2013, è stato realizzato da RES Comunicazione per la Provincia di Livorno. Contributi e gestione social – Angela Tanania
Tag ufficiale: #dalmareallatavola
Facebook I prodotti dal mare alla tavola | twitter @dalmareatavola

[mapas x mapas] conversazione attorno al tema della mappatura partecipata.

Con grande entusiasmo ho accettato l’invito per poter parlare di territorio, relazioni , rete/network, narrazione, social media. L’appuntamento è per domani 10 maggio ore 18:30 presso il Lavoratorio Artistico a Sarzana.

Racconti di persone e di  luoghi. I progetti artistici realizzati da Giuditta Nelli e Anna Positano con Mapas² a Santa Fe affronteranno il tema della mappatura partecipata e dell’uso dell’arte come strumento in ambito sociale. Mapas² è un progetto promosso da Arci Liguria con il sostegno di Arci Nazionale e Arcs – Arci Cultura e Sviluppo, realizzato in collaborazione con AHS – Associazione Hermanos Saíz, Casa de la Cultura de Santa Fè, Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce, Carretera Central, A-POIS e DisorderDrama.

Il mio intervento – “Esperienze partecipative tra mappe di comunità, mappe emotive e narrazioni territoriali collettive” – è occasione per delineare un percorso personale e professionale, che parte dal territorio per giungere alla rete e alle connessioni che stanno al centro della progettazione e dello sviluppo delle azioni condivise: coscienza di luogo, mappe cognitive, mappe di comunità e di paesaggio, mappe emozionali e cultura digitale. Tra identità-memoria e narrazione-relazione.

Un ringraziamento particolare a Giuditta Nelli (social practice artist e responsabile Coop. Internaz. Arci Liguria) e Walter Massa (presidente Arci Liguria); a Mafe de Baggis (co-founder Pleens), Marianna Marcucci (co-founder Invasioni Digitali), Giovanna Tinunin (co-founder Italia_Social).

La dimensione emozionale nei processi partecipativi favorisce certamente il coinvolgimento: le forme che si riconoscono sono diverse ma ciò che unisce è il racconto di una esperienza, ma anche la scoperta e la condivisione.

Vi aspetto.

Angela Tanania

mapas_carto_fb_10x15_sarzana

Mapas2 a Sarzana (programma)

Mapas² a SARZANA (evento)

“Tutto il nostro pianeta è un grande giardino, e l’unico modo per salvarlo è fornire ai suoi abitanti una mentalità da giardiniere”
(Gilles Clément, scrittore, entomologo, architetto paesaggista francese)

lerici il giardino sul golfo“Lerici, il giardino sul golfo” è un pay off istituzionale che descrive l’insieme delle attività realizzate – sulla mobilità e i servizi, sull’accessibilità e la fruizione, sull’accoglienza, l’arte e la cultura, sull’ambiente – e informare delle opportunità di sviluppo del territorio.

Le capacità attrattive per Lerici non sono limitate al paesaggio, alle sue risorse ambientali, culturali e architettoniche, ma derivano anche dal fascino nel tempo dei luoghi, fonte di ispirazione per molti viaggiatori. A tal fine il progetto ha creduto nella forza evocativa del pay off che coinvolge non solo i visitatori ma soprattutto i residenti quali ambasciatori del territorio.

Il racconto parte dai luoghi e dai valori dell’accoglienza, dell’accessibilità e della fruizione perché sono l’essenza della vivibilità di un luogo, da vivere e da visitare.

“Lerici, il giardino sul golfo” è un progetto realizzato da RES Comunicazione per il Comune di Lerici (2014). Attività, contributi, ricerca progettuale, gestione social – Angela Tanania

Il progetto e le iniziative su Lerici, il giardino sul Golfo

tag ufficiali #lericiilgiardinosulgolfo | #unoscattoperlerici

facebook il giardino sul golfo | twitter @lericigiardino

Concorso fotografico.
La Rete Europea di Sviluppo Rurale, invita tutte le aree Leader a partecipare al concorso fotografico “Immagini dell’Europa Rurale”.

Il concorso è aperto a tutti, professionisti e non della fotografia, ma gli scatti devono possono essere inviati solamente attraverso i GAL – Gruppi di Azione Locale Leader (scad. 18/05/2012).

Le migliori foto selezionate verranno esposte in una prestigiosa mostra “Travelling’Exhibition -2012/2013” che sarà lanciata con una cerimonia inaugurale (27 giugno 2012) e la pubblicazione entro il 2012 di un album fotografico.

La RRN-TaskForce Leader realizzerà una iniziativa similare anche a livello nazionale. Per maggiori informazioni: http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/7600

Per trovare il GAL della tua zona vai a GeoLeader oppure scarica l’indirizzario Leader.

Il sito dedicato all’evento in ambito europeo:  http://www.ruralimages.eu/

Con questo post si intendono selezionare alcune parole chiave che possono caratterizzare il percorso del corso.

La consapevolezza della complessità e della presenza di apporti disciplinari diversificati (urbanistica, geografia, economia, archeologia, geofilosofia, antropologia, storia, sociologia, comunicazione, ecc.), rivela  la difficoltà dell’approccio che, aprendosi sia ai linguaggi comuni che alle prospettive transdisciplinari, auspica di proseguire verso la condivisione.

Nota di compilazione. Naturalmente la selezione non è esaustiva:  è il tentativo per individuare un linguaggio condiviso, è un invito aperto per  suggerire altri termini di riferimento e di approfondimento.  Pertanto è individuato il termine, un breve estratto, autore e anno, riferimenti bibliografici.

Identità/territorio (Carle, 2011) “[…] La nozione di identità, che compare in psicologia sociale co Erikson nel 1966, affonda le radici in correnti di pensiero e discipline diverse interessate all’individuo e all’immagine di sé. [… ] Anche quando si parla di identità sociale e collettiva, la prospettiva fondamentalmente resta allora quella dell’individuo rapportato al gruppo (Lévi-Strauss, 1997; Mucchielli, 1986). la nozione di identità si accompagna a quella di assimilazione/integrazione. […] Le problematiche identitarie diventano produttivo terreno di confronto su temi che rivestono un nuovo aspetto di attualità scientifica. L’uso di terminologie diverse applicate a contenuti analoghi  si rivela presto non esente da criticità, spingendo a una verifica chiarificatrice dei contenuti nell’ambito di ciascuna disciplina. […] La definizione di “territorio” – <un organismo vivente ad alta complessità, prodotto dall’incontro fra eventi culturali e natura, composto da luoghi (o regioni) dotati di identità, storia, carattere, struttura di lungo periodo> (Magnaghi, 1997) – implica che questo abbia sempre e non possa <non avere una sua profondità storica […] che interviene attivamente nella nostra esistenza individuale e collettiva nei processi mentali, linguistici, percettivi, sensoriali, anche se nelle forme latenti di una identità nascosta di lungo periodo> (Magnaghi, 1997) […] Poiché sono i contenuti della coscienza di appartenenza a definire un territorio, è fondamentale prendere in conto la dimensione spazio-temporale il punto di vista dei suoi abitanti.  questi lo percepiscono in base a distanze definite non tanto dal dato chilometrico, ma piuttosto dalla loro incidenza sulla vita sociale, individuale o di gruppo. […] (Carle, 1997)”

riferimenti bibliografici

Carle L. (2011), “Identità/territorio”, Poli D. (2011, a cura di) Il progetto territorialista, Contesti 2/2010

Carle L. (1997), Sette lezioni su identità socioculturali collettive e territorio, Centro A-Zeta, Firenze

Lévi – Strauss C. (1997), L’identité. Séminaire interdisciplinare dirigé par Claude Lévi-Strauss, 1974-1975, Grasset, Paris

Magnaghi A. (1997), “Presentazione a Carle L.”, Sette lezioni su identità socioculturali collettive e territorio, Centro A-Zeta, Firenze

Mucchielli A. (1986), L’identité, Puf; Paris